Piccola lezione da uno che ha appena imparato a ridere

Imparare a ridere :

mai avrei pensato fosse così dura farlo, ma ci ho messo quasi 48 anni per riuscirci.

Intendiamoci, non è che non abbia mai riso nella vita, anzi, ma ormai da diverso tempo assieme al sorriso avevo perso certezze ed autostima.

Non sto a sindacare sul perchè ma qualche giorno fa ho assistito in prima persona ad un fenomeno anomalo che è stato la causa di questa mia benevola mutazione emotiva.

Difficile provare a spiegare e forse nemmeno ne ho la voglia, anche se lo porrei di diritto nella sfera mistico religiosa, ma la risultante è che anche se sono sempre con pochi capelli e con la barba tendente al bianco mi sento oggettivamente diverso.

Sono sempre stato profondamente logico e razionale anche se da qualche anno ho iniziato ad aprire un po’ questa visione limitata della realtà .

Credo nel fato e, come ho già  detto, il nostro libero arbitrio penso incida in una percentuale piuttosto risicata sull’andamento della vita ma a volte accadono dei fatti totalmente imponderabili ed assolutamente inspiegabili alla logicità dell’intelletto umano.

Credere è una scelta, libera e personale (almeno così dovrebbe essere) e non ritengo scontato il fatto che un’entità superiore decida di confermarcelo.

A volte capita ?

Chi lo sa, ma io so di voler onorare l’opportunità  che ho ricevuto, perchè per troppi anni ho guardato alla realizzazione del mio obiettivo da un punto di vista completamente sbagliato.

Rendere mio Padre orgoglioso di me è sempre stato Il più grande peso e dovere che mi sono imposto ed a cui ho pagato pegno negli anni.

Porto da tempo questo enorme macigno dentro l’anima e, se teniamo conto che lui è morto quasi 30 anni fa, per non farmi mancare nulla, mentre cercavo la realizzazione di questo, ho aggiunto un pò di altri pesi tanto per gradire.

Son sempre stato bravo a complicarmi la vita ed a complicarla a chi mi stava vicino, perchè, come ho accennato prima, ho sempre cercato le risposte alle domande sbagliate.

 

Per anni ho avuto un desiderio di rivalsa malcelato dall’ambizione, ma, alla resa dei fatti, ora, ho compreso di aver sbagliato tutto.

Ho sempre creduto che il raggiungimento di un successo economico o sociale mi portasse la pace e, in questa lunghissima ricerca ho perso di vista la domanda principale continuando ad accumulare sul cuore e nell’anima pesi ed ombre, ed il mio carattere ne è diventato lo specchio.

Arrabbiato, incattivito, nervoso e scontroso, sono solo alcune delle emozioni che ho trasmesso a chi mi stava più vicino in questi anni, e ciò ha contribuito ad allontanare, spaventare e frustrare spesso chi mi voleva bene.

Me ne pento ?

E come potrei non farlo, ma doveva andare così, perchè seppure nulla sia dovuto ne previsto, alla fine ho capito ed il cuore si è liberato, fornendomi una clamorosa opportunità  .

Non sono diventato ne un santo nemmeno voglio prendere i voti, ma ho iniziato a ridere ed ha iniziato a scorrermi dentro una enorme energia positiva.

Perchè ?

Chi lo sa, ma non la disperderò ed a differenza di come mi sentivo fino ad una decina di giorni fa, oggi ho voglia di dimostrare qualcosa a me.

Perchè in fondo la domanda giusta è sempre stata questa, non dimostrare agli altri ma a me stesso, ed oggi, per la prima volta nella mia vita, ho intenzione di farlo.

Sarà facile, non lo so, forse per niente, ma non conta, perchè nella mia testa è scattato qualcosa di buono ed a prescindere da quale sarà il futuro che mi è stato scritto, proverò ad essere la migliore versione di me stesso per me e per chi mi starà vicino.

A volte le cose cambiano e ridere aiuta..

Il brano di oggi è : Redemption Song – Bob Marley (Uprising – 1980)

A presto

Maurizio Marchisio

Maurizio Marchisio

Da circa vent’anni frequento quotidianamente Il mondo del Food & Beverage anche sotto forma di lavoro ed ogni volta che mangio, bevo, viaggio o cucino diventa automatico confrontare, curiosare, sperimentare, perchè è più forte di me provare ad immettere nel caos ordinato che alberga nella mia testa l’infinità di stimoli cognitivi e culturali che mi fornisce questo variegato ed incoerente mondo enogastronomico.

More Posts - Website

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedIn

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.