Le 12 Bottiglie più costose al mondo…Forse ! – Prima Parte

“Le 12 bottiglie più costose al mondo”: sfido chi, tra gli appassionati, non vorrebbe essere il possessore di almeno una di queste.

Praticamente tutte le classifiche ricopiano quelle stilate negli ultimi anni da Wine Spectatoro da Wine Searcher, ma visto quello che è successo all’asta Sotheby’s a Hong Kong a fine marzo, forse la classifica è da rivedere.

Non voglio avere la presunzione di saperne di più, anzi tutt’altro, ma vorrei giocare un pò stilandone una riepilogativa, che duri perlomeno fino alle prossime aste da record…

Diamo il via alle danze:

12° posto  

Romanée Conti 1989 Domaine de la Romanée-Conti

Romanèe Conti, ovvero il mito della Borgogna, terra di Chardonnay e (in questo caso) Pinot Nero.

L’offerta è stata fatta per 12 Bottiglie vendute in lotto unico a 313.000 dollari, il che equivale a circa 26083 dollari a bottiglia.

Per la cronaca, questo lotto ed alcuni altri che troveremo di seguito fanno parte dell’asta dei record di fine marzo di quest’anno ad Hong Kong (leggetevi il mio articolo : http://www.benesserepatrimoniale.it/le-aste-del-vino…ecord-marzo-2018/‎)

11° posto

Romanée Conti 1945 Domaine de la Romanée-Conti

.

Questa cifra è stata conseguita durante un’asta a Londranel 1996, quando un set di 8 bottiglieè stato aggiudicato alla “modica” cifra di 224,900 dollariamericani, per cui la singola bottiglia si attesta sui  28112 dollari.

Per anni questa bottiglia è stata, ed è tuttora, un mito inavvicinabile.

I motivi sono vari, a partire dal fatto che segna la fine di un conflitto mondiale terribile, poi per il fatto che nel 1945, la maison produsse, di questo vino, solo 600 bottiglie. Erano anni estremante difficili per riuscire a far rendere i terreni.

L’ultima ragione è data dal perfetto stato di conservazione della bottiglia.

10° posto

Romanée Conti 1966 Domaine de la Romanée-Conti 

Non cambiamo ne produttore ne zona.

Sempre i vini che furono di Madame Leroy ed il prezzo battuto per la collezione di 9 bottiglie è stato pari a 297000 dollari, quindi la singola bottiglia, corrisponde a  33000 Dollari. 

9° posto

Romanée Conti 1971 Domaine de la Romanée-Conti

Inizio a diventare noioso, ma tra poco facciamo il salto di qualità.

In ogni caso questo è stato il lotto principe dell’asta di Hong Kong, faceva parte di “THE CELLAR FROM THE ESTATE OF JERRY PERENCHIO” .

L’offerta d’acquisto per l’intero lotto di 12 bottiglie è stata di 407.000 dollari (si, sono 33916,66 dollari a bottiglia) . 

8° Posto 

Penfolds Grange Hermitage 1951

penfolds-granage-1951-etiquette

Il Grange Hermitageè, a buon grado, il più famoso e costoso tra i vini prodotti in Australia.

Al momento dell’asta, svoltasi in Australia nel 2004, pare che di questa annata ne esistessero solo più 20 bottiglie e, di conseguenza, un collezionista di Adelaide ha pagato l’enorme cifra di 50,200 dollari australiani che sono pari a 37568 Dollari Americani attuali.

7° Posto

Sherry Massandra 1775

Questa bottiglia detiene il maggior prezzo attribuito a una bottiglia di Sherry, ma il motivo è facilmente attribuibile all’anzianità del vino che fu prodotto dalla cantina di Massandra in Crimea.

Nel 2001, una bottiglia del 1775fu venduta da Sotheby’s a Londra per il prezzo di 43,500 Dollari.

 

E qui si conclude la prima parte ma tenetevi pronti perchè la seconda sarà decisamente interessante, con bottiglie che ormai sono entrate nel mito.

Come al solito vi abbino un brano musicale delicato, lasciando vagare la mente mentre stappate una bottiglia (magari una di queste…).

Somewhere over the Raimbow – Israel Kamakawiwo’ole  (Ka ‘Ano’i – 1990)

A presto

Maurizio Marchisio

 

 

 

 

Maurizio Marchisio

Da circa vent’anni frequento quotidianamente Il mondo del Food & Beverage anche sotto forma di lavoro ed ogni volta che mangio, bevo, viaggio o cucino diventa automatico confrontare, curiosare, sperimentare, perchè è più forte di me provare ad immettere nel caos ordinato che alberga nella mia testa l’infinità di stimoli cognitivi e culturali che mi fornisce questo variegato ed incoerente mondo enogastronomico.

More Posts - Website

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedIn

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.